Creeper World 3: Arc Eternal – Come eliminare pericolosi liquidi alieni ed il vostro tempo libero con una mossa sola

In Creeper World 3: Arc Eternal, terzo capitolo della serie sviluppata da Knuckle Cracker, ci troveremo a dover affrontare un liquido alieno che dà il nome al gioco: il temibile Creeper.

La trama prosegue dagli eventi dei primi due titoli della serie; tuttavia, nonostante vi siano alcuni piccoli riferimenti agli avvenimenti accaduti in precedenza, tutto quello che vi serve sapere ve lo fornirà il gioco. Voi impersonerete i panni del comandante Skarsgard Abraxis, ultimo essere umano rimasto nell’universo. Al vostro risveglio dal sonno criogenico, vi troverete all’interno di una nave spaziale guidata da un’intelligenza artificiale chiamata Lia, a più di 5 miliardi di anni dai vostri ultimi ricordi. In questo lunghissimo periodo, l’umanità intera è stata completamente spazzata via dal Creeper: un insidioso liquido alieno con la brutta abitudine di invadere mondi, fagocitarli ed assorbire ogni forma di vita all’interno degli stessi. Lia vi accompagnerà per tutta la modalità storia, che di fatto non è altro che la punta dell’iceberg di quello che è Creeper World 3: Arc Eternal: le 23 missioni di cui si compone servono infatti a far apprendere le basi del gioco al giocatore, fornendogli obiettivi mai banali che vanno a toccare tutti i punti chiave del gameplay di questo titolo. La soluzione non è mai una sola e l’approccio che possiamo avere con i singoli livelli può variare moltissimo in base al nostro personalissimo stile di gioco. Il giocatore si adatta al gameplay proprio come il pericolosissimo Creeper si adatta al terreno.

CW1

L’ostile liquido si diffonderà velocemente sulla mappa di gioco.

Uno dei punti focali del gioco è la gestione dell’energia: il nostro centro ne produrrà una quantità limitata che dovrà essere utilizzata per soddisfare sia le richieste di costruzione, sia l’alimentazione delle armi che avremo a disposizione. Ci potranno essere strutture che aumenteranno la produzione di energia, ma richiederanno una risorsa forse più importante dell’energia stessa in Creeper World: il tempo. Costruire nuovi nodi energetici o nuove armi non sarà affatto immediato, ma dovrà essere fatto tramite l’invio di pacchetti energetici dal nostro centro a quello in edificazione: più sarà lontano dalla fonte della nostra energia, più tempo i pacchetti impiegheranno ad arrivare. Gli stessi pacchetti che potrebbero servire in altri punti della nostra rete difensiva per poter rifornire una torretta che tiene a bada un espansione di Creeper, magari. Costruire le cose sbagliate nel momento sbagliato può voler dire perdere molto terreno e avvicinarsi alla sconfitta: se per voi il tempo è una risorsa preziosa, da gestire con sapienza, per l’ostile liquido alieno è solo un vantaggio. Più il tempo passa, più le sorgenti nemiche rigetteranno liquido, in un’infinita e letale espansione dell’avversario. L’unico metodo che il giocatore ha per fermare l’avanzamento del Creeper è la costruzione di speciali edifici chiamati Nullifier, che hanno lo specifico compito di distruggere stazioni ostili che proteggono o rigurgitano la nostra nemesi. L’impresa non è così semplice: il raggio d’azione di quest’arma è piccolissimo e il giocatore dovrà costruire una quantità importante di nuclei energetici e torrette per poter garantire protezione al Nullifier mentre viene edificato e caricato prima di poter rilasciare la sua devastante forza distruttrice.

A volte saremo semplicemente circondati dal liquido: un errore in queste situazioni e la sconfitta sarà inevitabile.

A volte saremo semplicemente circondati dal liquido: un errore in queste situazioni e la sconfitta sarà inevitabile.

Dal punto di vista tecnico il gioco si presenta in modo semplice ma funzionale. La grafica essenziale e la visuale dall’alto sono utilissimi a comprendere in maniera veloce il metodo di espansione del liquido, che verrà rigurgitato dalle sorgenti nemiche, andando a riempire dal basso verso l’alto le cavità nel terreno. Uno degli elementi di gameplay più geniali del gioco sta proprio nella possibilità di modificare il campo di battaglia stesso tramite costruzioni deputate al terraforming, che vanno ad influenzare in maniera strategica la futura espansione del liquido. Un altro elemento che si aggiunge alla già impegnativa microgestione di questo gioco: energia, tempo e terraforming. In men che non si dica il vostro “Cinque minuti e poi smetto” si trasformerà in un “Che strano, l’ho aperto pochi minuti fa e son già passate 8 ore“. La frenesia della microgestione sarà ovviamente accompagnata da una colonna sonora funzionale ed epica al punto giusto, con sonorità che faranno tornare alla mente le ore buttate su Starcraft.

Osservate bene questo livello: non avete nemmeno idea del sangue e del sudore che ci verserete sopra.

Osservate bene questo livello: non avete nemmeno idea del sangue e del sudore che ci verserete sopra.

Ma il vero e proprio gioco vi si rivelerà dopo il superamento di alcuni determinati livelli della modalità storia, che sbloccheranno rispettivamente il Tormented Space, nel cui vi sono molti livelli di difficoltà improponibili e altri creduti tutt’ora impossibili; la Prospector Zone, dove l’obiettivo sarà quello di recuperare determinati artefatti, e l’Alpha Sector, dove potrete provare gli originali livelli pensati prima dell’uscita ufficiale del gioco. Se non vi bastano queste migliaia di scenari, sappiate che esiste un generatore automatico di creazione di mondi chiamato Dial Map Devices, che vi permette di condividerli anche con l’attivissima community di gioco. E non è finita qui: esiste anche il Colonial Space, dove potrete creare mondi con nuove unità pensate da voi tramite un editor integrato. Insomma, Creeper World 3: Arc Eternal è un gioco che non porterete mai a termine, sappiatelo.

8 / 10

Creeper World 3: Arc Eternal ha tutte le carte in regola per diventare il vostro prossimo time-sink se siete degli appassionati dei giochi che vi aprono il cervello in due e vi tornano a mo’ di flash del Vietnam mentre passate del tempo nelle vostre azioni quotidiane. Se non aspettate altro che vedere immagini mnemoniche di terraforming, liquidi alieni e connessioni energetiche mentre preparate il caffé o scolate la pasta, questo è il gioco che fa per voi: correte a pigliarlo sullo Steam Store a poco meno di 14€.